L'OSSERVATORE

La carovana di cinque autoarticolati Scania 210 Turbodisel è pronta a muoversi.
L'ora della partenza è fissata per le otto in punto.
La missione umanitaria prevede l'invio di farmaci in soccorso della popolazione croata di Bihac, piccola cittadina della Bosnia-Erzegovina assediata da mesi dalle truppe serbe.
Il gruppo è formato da volontari.
Ne fanno parte: cinque autisti, tre infermiere e due medici.
All'ultima ora si è aggregato un mezzo fuoristrada della protezione civile con a bordo due Pionieri della Croce Rossa.
Gli istanti che precedono la partenza vedono protagonisti politici ed amministratori locali che, in presenza delle telecamere delle emittenti locali, non si lasciano sfuggire l'occasione per vantare i meriti delle amministrazioni che presiedono.
La Direzione Sanitaria dell'ospedale ha concesso a me e ad altre due infermiere professionali un congedo straordinario di quindici giorni: il tempo necessario per effettuare la missione di soccorso.
Cinzia, Rita ed io ci conosciamo da tempo.
Cinzia è la più giovane delle tre, ha compiuto da poco vent'anni, ma all'attivo ha già due missioni di aiuti umanitari.
Rita è una ragazzona di trent'anni, infermiera strumentista di sala operatoria vanta nel suo curriculum una notevole esperienza nel trattamento chirurgico delle ferite.
Prima di questa esperienza ha partecipato a spedizioni in Etiopia e Libano.
I due medici specializzandi, al quarto anno di medicina d'urgenza, partecipano per la prima volta ad una missione di soccorso.
Dopo la benedizione del cappellano la carovana inizia il cammino che, nell'arco di tre giorni, la porterà a destinazione.
Sono le otto di giovedì nove dicembre quando gli automezzi lasciano l'ospedale.
Una lunga corsa in autostrada conduce la carovana dalla nostra città, situata a pochi chilometri dal fiume Po, fino a Ferrara dove proseguiamo alla volta di Venezia e Gorizia.
Attraversiamo la frontiera con la Slovenia verso le due del pomeriggio.
Il territorio sloveno è molto diverso da quello carsico che abbiamo lasciato alle nostre spalle.
Ogni volta che lascio l'Italia per andare in missione in questi paesi mi prende l'angoscia.
La supero pensando ai bisogni delle genti che andiamo a soccorrere.
Verso sera raggiungiamo Lubiana dove sostiamo per la notte.
Transitando per la frontiera croata incomincio ad avere sentore di ciò che ci aspetta andando avanti.
Occorre un giorno intero prima che le guardie frontaliere ci concedano il permesso di proseguire.
Lo fanno dopo aver rovistato con cura l'interno di ciascun camion.
Il panorama lungo le strade della Croazia è desolante.
Incontriamo colonne di soldati e semoventi che percorrono nei due sensi la strada che da Zagabria porta verso sud, alla frontiera con la Bosnia.
Colonne di profughi, ricchi solo di povere masserizie, sostano sul ciglio della strada nell'attesa di un improbabile aiuto che non giungerà mai.
Vecchi, donne e bambini stanno aggrappati gli uni agli altri, avvolti in panni di lana.
Vedo le loro mani venirci incontro per richiamare la nostra attenzione in cerca d'aiuto.
Incappiamo in numerosi posti di blocco.
Siamo costretti a fermarci ed aspettare che i soldati verifichino il tipo di carico che trasportiamo.
Più ci avviciniamo alla Bosnia, più i controlli alla carovana si fanno frequenti.
La sera del terzo giorno raggiungiamo Plitvice, un tempo considerata fra le sette meraviglie del mondo.
Di quella natura meravigliosa e delle cascate d'acqua non è rimasto che il ricordo, ora è solo una landa desolata.
La sera ci fermiamo a dormire a bordo dei nostri camion.
Non ci fidiamo a lasciare incustodito il carico che trasportiamo.
Ci scambiamo le prime impressioni su ciò che abbiamo visto.
Se alla partenza del viaggio eravamo preoccupati ora lo siamo ancora di più.
Prima d'intraprendere l'ultima parte della missione affidataci, quella che ci porterà alla città di Bihac, completamente assediata da truppe serbe, ci fermiamo ad analizzare la situazione con le autorità militari croate.
A loro modo cercano di farci desistere dalla missione, stante la pericolosità della strada che andremo a percorrere, ma non desistiamo dalla decisione di proseguire.
Quella che ci apprestiamo ad affrontare è la parte più difficile e pericolosa del viaggio.
Si tratta di percorrere un tratto di strada di alcune decine di chilometri presidiata dalle truppe serbe.
La carovana di autoarticolati sale lungo i tornanti che conducono al passo Harduc.
D'improvviso un gruppo di miliziani bosniaci si pone davanti a noi impedendoci di avanzare.
Alcuni soldati sparano colpi di mitra in aria richiamando la nostra attenzione.
Sotto il tiro delle armi veniamo fatti scendere dai camion ed obbligati a stenderci in terra.
I miliziani hanno il capo coperto da passamontagna ed indossano tute mimetiche.
Dopo averci sottoposto ad una rapida perquisizione ci dividono in due gruppi, separando gli uomini dalle donne.
Ci ritroviamo a percorrere, in fila indiana, uno stretto sentiero che scavalca la montagna verso una meta sconosciuta.
Dopo alcune ore di cammino, in cui abbiamo attraversato boschi di abeti secolari, sbuchiamo in una valle stretta e ricca di prati erbosi.
In uno spazio verde di fronte a noi scopriamo un gruppo di case molto simili a baite di montagna di casa nostra.
Noi donne veniamo indirizzate verso l'edificio più piccolo, gli uomini invece vengono rinchiusi in quella che sembra essere la stalla.
Nel buio della stanza prendiamo coscienza della gravità della situazione.
Trascorre parecchio tempo prima che uno dei nostri rapitori torni da noi.
Cinzia, Rita ed io, ci teniamo strette l'una all'altra riscaldandoci dal freddo pungente che c'è nella baita senza dire una sola parola.
Ognuna cela la propria angoscia traendo coraggio dall'abbraccio delle compagne, pur sapendo nel proprio intimo che la situazione è disperata.
E' sera quando un uomo dal capo coperto da un passamontagna si affaccia alla porta.
Nella mano tiene una lampada a petrolio, nell'altra un tegame con dentro carne affumicata e un po' di pane.
Da stamani non abbiamo messo niente sotto i denti e, per quanto la situazione sia tragica, cominciamo ad avere fame.
Affondiamo le dita nel tegame cibandoci del povero pasto.
La stanza è piccola.
Un tavolo di legno occupa la parte centrale del locale.
Sopra è appoggiata la lampada a petrolio che poc'anzi l'uomo ha portato.
Alcune brande, con telaio in legno, sono allineate nella parete opposta a quella d'ingresso.
Dopo che abbiamo consumato il pasto restiamo accovacciate sui giacigli nell'attesa dell'evolversi della situazione.
Verso le dieci veniamo destate dal rumore di schiamazzi e di risa che provengono fuori della baracca.
La porta si apre ed irrompe un gruppo di soldati, forse una decina.
Sono vestiti con le tute mimetiche ed hanno il viso semicoperto dal passamontagna.
All'apparenza sembrano ubriachi.
Uno di loro, probabilmente il più alto in grado, fa un cenno ad uno dei compagni.
L'uomo si dirige verso Cinzia.
L'afferra per un braccio e la trascina per la stanza facendola sdraiare sopra una branda.
Altri due si riversarono ai lati della branda e afferrarono Cinzia per le braccia tenendola ben ferma.
La stanza si riempie delle urla di Cinzia mentre Rita ed io ci stringiamo l'una all'altra in preda al terrore.
L'uomo che per primo aveva afferrato Cinzia, trascinandola sulla branda, la spoglia dei jeans e le strappa le mutandine.
Cinzia si dimena ed urla con tutta la voce che ha in gola.
Il soldato, per niente impietosito, dà maggior vigore alla sua azione.
Altri due compagni gli vengono in aiuto divaricandole le gambe.
Il soldato slaccia la cinghia dei pantaloni e cala le brache.
Lo posso vedere mentre deflora il candido corpo della mia amica che sapevo essere vergine.
Le urla di Cinzia si fanno ancora più acute.
Il suo aguzzino sembra trarre piacere dall'inusuale scoperta.
Dopo che le ha sborrato nella fica si rialza e fa cenno a un compagno di prendere il suo posto.
Quest'ultimo non si fa pregare.
Infila il cazzo puzzolente in quel delicato nido fino a poco prima inviolato.
Ad ogni cenno di reazione di Cinzia i due che la tengono stretta alle braccia lasciano partire dei manrovesci sul suo volto che la tramortiscono.
Il loro complice, nel frattempo, continua a spingere il cazzo nella vagina, fino a venire.
Quando è la volta del capogruppo, che fino ad allora è rimasto in disparte in un atteggiamento da "osservatore", si ritrae e ordina ad un altro soldato di metterla inginocchiata per terra con addome e mento riverso sulla branda.
Mentre "l'osservatore" se ne sta in piedi a seguire la scena, l'uomo che lui ha indicato come esecutore abbassa i pantaloni e mette in mostra un cazzo dalle dimensioni mostruose.
Deposita della saliva sulle dita e deterge il buco del culo di Cinzia col liquido.
Successivamente prende in mano l'uccello e lo guida verso l'ano fra le risa dei compagni che iniziarono ad accompagnare i suoi movimenti con declamazioni ad ogni spinta.
"L'osservatore" guarda con interesse la scena.
Apre la patta della tuta mimetica e, da quanto posso intuire, dal momento che è seminascosto alla mia vista dai compagni, inizia a masturbarsi.
Le urla di Cinzia crescono d'intensità.
Giro il capo verso la parete per non essere testimone di tanto scempio.
Anche Rita, presa dal terrore, inizia ad urlare in preda ad una crisi isterica.
Il buco stretto di Cinzia e lo stato d'eccitazione dell'uomo lo portano a sborrare in breve tempo.
Uno dopo l'altro i soldati sfogano i loro bassi istinti sessuali su Cinzia.
Dopo un'ora di violenze viene lasciata libera e si accovaccia sulla branda liberando le lacrime.
Sono stata testimone di qualcosa d'orrendo.
Ma ciò che più mi ha disturbato è stato l'atteggiamento del loro capo che più degli altri ha goduto, masturbandosi mentre assisteva alle violenze dei sottoposti che a turno abusavano della mia compagna, accompagnando lo stupro con grida e lazzi, inneggiando alle performance di ciascuno di loro.
Il gruppo di uomini lascia la stanza.
Rita ed io ci avviciniamo alla nostra amica.
Cinzia è piena di lividi nel corpo e sul viso.
Mi appare subito evidente che ciò che ha subito la segnerà per tutta la vita.
A nulla servirà lavarla con l'acqua che i nostri aguzzini ci hanno consegnato insieme alla cena.
La rivestiamo con gli abiti sporchi ed imbrattati del suo sangue stringendoci addosso a lei.
La notte trascorse senza altre sorprese, ma nessuna di noi riesce a chiudere occhio per un solo istante.
Di buon mattino un soldato ci porta del latte che sorseggiamo Rita ed io.
Cinzia resta rannicchiata nel suo letto, muta, incapace di un solo cenno del capo.
La giornata trascorre fulmineamente distratte come siamo dai rumori di fucile e cannonate che sembrano provenire da poco lontano.
Qualche aereo sorvola le nostre teste.
In cuor mio spero che qualcuno venga a liberarci, ma è solo una illusione.
E' pur vero che i soldati non possono permettersi di uccidere un gruppo di persone come il nostro e macchiarsi di un crimine così grave.
Ci siamo mosse in questo territorio, in missione umanitaria, sotto l'egida dell'ONU e per loro non sarebbe tanto facile giustificare la nostra morte.
Passano le ore e ancora una volta si fa sera.
Dalla baracca in cui siamo ospitate sentiamo il vociare dei nostri aguzzini che presumibilmente sono rifugiati al caldo nelle baracche poco lontano da noi.
Verso le undici la porta si apre.
Come la sera precedente si presenta un gruppo di soldati.
Sembra essere più numeroso di quello della sera precedente.
Presa da una crisi di nervi mi metto ad urlare come un'indemoniata, ma non serve per farli recedere dal loro intento.
Vengo afferrata da più braccia e sbattuta sopra un lettino.
Li sento ridere e scambiarsi parole nel loro idioma.
Qualcuno mi afferra il maglione, altri mi liberano dei pantaloni e delle mutande fino a denudarmi completamente.
La vista del mio corpo nudo li eccita.
Vedo molti occhi puntati su di me e nelle loro pupille c'è la voglia di stuprarmi.
Il mio respiro, affannoso, gonfia la cassa toracica innalzando le mammelle che si scuotono con i movimenti del corpo.
Di sicuro sono riuscita a provocare in quegli uomini, da tempo emarginati sulle montagne, uno stato d'eccitazione che troverà sfogo nel mio corpo.
Presa come sono nella mia vicenda personale, non mi sono accorta che Cinzia e Rita sono alle prese con altri violentatori.
Me ne rendo conto quando sento le loro urla provenire dai lettini vicino al mio.
Il primo a violentarmi è un ragazzo alle prime esperienza di sesso.
Viene quasi subito incitato dai compagni, poi è la volta del secondo e poi di un terzo.
A questo punto penso che l'unica cosa da fare sia collaborare.
Non voglio fare la fine di Cinzia ed avere un volto tumefatto come il suo a causa delle botte e decido di collaborare.
Gli uomini si alternano sopra di me scopandomi con grande foga, ma ciò che mi stupisce è che più mi scopano e più provo piacere.
Cazzi d'ogni dimensione penetrano nella mia fica senza un attimo di pausa.
Sono bagnata fradicia di piacere e non ho più freni inibitori.
I soldati si accorgono di questa mia disponibilità e prendono a preferire il mio buchetto a quello delle mie sventurate compagne.
Mi sborrano dentro senza precauzione lasciando a chi gli succede la mia passera lubrificata e scivolosa in maniera tale da facilitare lo scorrimento dei cazzi.
Non contenti mi costringono ad inginocchiarmi e iniziano ad infilare più cazzi contemporaneamente fra le mie labbra.
In verità non sono mai stata una brava pompinara, così cerco di affrettare la loro eiaculazione aiutandomi con le mani, senza ingurgitare lo sperma.
La porta si apre e i soldati si allontanano da me.
Vedo avvicinarsi un uomo sulla quarantina d'anni.
E' l'unico ad avere il volto scoperto, probabilmente è il più alto in grado e forse si tratta di quello che la sera prima si è masturbato: "l'osservatore".
Scruta i corpi nudi di noi donne, poi fa cenno agli altri uomini di uscire dalla stanza.
- Voi siete italiane - dice in una lingua dall'accento vagamente romanesco.
- Non avrete nulla da preoccuparvi, domani sarete liberate.
Abbiamo raggiunto un accordo con il vostro comando.
Dovete capire la situazione in cui ci troviamo noi soldati.
Viviamo su questi monti come bestie e come tali a volte ci comportiamo.
Detto questo si toglie la giacca e i pantaloni mimetici, poi si avvicina verso di me.
Sulla mia pelle sento la puzza della carne di quegli uomini selvaggi che fino a pochi istanti prima hanno violentato il mio corpo.
Sono pronta a ricevere il cazzo di quell'ultima bestia: quello dell'"osservatore".
Mi prende alla pecorina, senza usare la violenza che invece ha caratterizzato i suoi predecessori.
Sento il cazzo muoversi dentro di me e aderire perfettamente alla parete della vagina.
- Ti faccio male?
- No - rispondo.
La fica inizia a contrarsi.
Muovo il bacino con piccoli movimenti, cercando, per quanto mi è possibile, di assecondarlo.
Lui fa oscillare i fianchi contro la superficie delle mie chiappe.
Provo piacere.
Ho la fica bagnata fradicia di umore.
Accelera i movimenti ma non riesce a venire.
Dopo una decina di minuti, costatata l'inutilità dei movimenti, estrae l'uccello dalla fica e inizia a masturbarsi.
Sborra irrigidendosi in tutto il corpo.
E' la prima volta che mi succede di non soddisfare un uomo.
E' evidente che lui è uno di quei pervertiti che si eccitano e provano piacere a guardare gli altri: non poteva capitarmi di peggio.
- Domani mattina i miei uomini vi porteranno sulla strada statale dove un gruppo dei vostri vi prenderà in consegna.
Si allontana da noi ed esce dalla porta.
Il giorno dopo, come promesso, ci ritroviamo a bordo degli automezzi della nostra delegazione e rispediti in aereo in Italia.
Questa avventura mi ha cambiato in maniera profonda.
Cinzia e Rita si sono licenziate dall'ospedale.
A quanto mi è dato a sapere entrambe lavorano come impiegate in Comune.
Non credo abbiano molta voglia di sentire parlare di solidarietà.
Io sono tornata ad esercitare il mestiere d'infermiera prendendomi cura dei bisogni altrui.
Ormai non so più di fare all'amore in maniera normale, ho bisogno di emozioni particolari possibilmente con più uomini contemporaneamente.
Una volta al mese prendo l'aereo e vado ad Amsterdam.
Lì mi reco in uno dei tanti locali dove ogni cosa è permessa e non esiste che l'imbarazzo della scelta.

Home > Sesso Hard - Racconti erotici gratis