IL SUCCHIOTTO

Domenica d'agosto: mezzogiorno.
Una enorme massa di persone occupa per intero il litorale sabbioso che da Marinella si estende verso Forte dei Marmi.
Gli uomini hanno provveduto a scaricare sul bagnasciuga ogni genere di carabattole, ritenute indispensabili dalle mogli per trascorrere la giornata sulla spiaggia.
La ristretta fascia di arenile, ad uso pubblico, situata a poca distanza da Marina di Massa, è affollata fino alla battigia.
Nella spiaggia non c'è un solo metro quadrato di spazio disponibile.
Accalcati come api in un alveare, uomini, donne, bambini, anziani, giovinetti e ragazze, se ne stanno distesi sulla sabbia ad abbronzarsi.
E' un rito che si rinnova ogni estate; anch'io non so sottrarmi a questa pratica di massa..
Supina, sulla sdraio, lascio che i raggi del sole penetrino in profondità nella pelle riscaldandomi ogni parte del corpo, anche quella coperta dal minuscolo tanga che copre il pube.
Ho lasciato Parma nel primo mattino, in compagnia di Giusy, con l'intenzione di trascorrere questa domenica di fine luglio distese sulla sdraio a prendere la tintarella, lasciando alle nostre spalle ansie e preoccupazioni.
Un leggero vento marino trascina verso la spiaggia un gradevole profumo di salsedine.
L'odore va a mischiarsi alla nauseabonda puzza che proviene dalla pineta dove qualcuno sta arrostendo carne e pesce sulla griglia dei barbecou.
La musica della radiolina fa vibrare le membrane dei minuscoli auricolari che ho applicato alle orecchie.
Il fracasso delle persone che mi circondano è continuo.
Le loro grida sovrastano la musica delle emittenti radiofoniche.
Da ogni direzione giunge insistente, a intervalli regolari, il trillo di qualche cellulare.
Uno strepitio di voci, suoni, imprecazioni ed urla mi tiene compagnia in questa domenica al mare.
Afferro il flacone di ambra solare e mi metto seduta sulla sdraio.
Applico il latte idratante sulle braccia e lo spalmo, senza fretta.
Sono in topless, la parte superiore del costume l'ho tolta dopo che sono scesa in acqua per darmi una rinfrescata.
Indosso ho un tanga nero così minuscolo da farlo sembrare invisibile.
Giusy si alza dalla sdraio, prende dalle mie mani il flacone di crema solare e inizia a cospargermela sulla schiena.
Adoro il contatto delle sue mani sul mio corpo.
Le dita frizionano con delicatezza i muscoli nella parte posteriore del collo.
Giusy ripete più volte la stessa manovra massaggiandomi con accortezza.
E' rilassante il contatto delle sue mani.
Mi giro verso di lei e la guardo in viso.
Avrei voglia di baciarla, d'infilarle la lingua fra le labbra, crogiolandomi nella saliva della sua bocca.
Restiamo a guardarci per qualche istante, piego il capo da un lato e vado a strusciarle con la guancia il dorso di una mano.
Giusy è bellissima, molto più del solito.
Gli occhi azzurri, simili a due zaffiri, s'illuminano di una singolare luce ogni volta che i nostri sguardi s'incrociano.
Mi corico supina sulla sdraio.
Giusy lascia cadere alcune gocce di ambra solare su miei seni.
Con le dita cosparge la crema sulle sporgenze carnose che si elevano al centro delle mammelle.
L'insistente contatto delle dita mi provoca l'inturgidimento dei capezzoli.
Distribuisce il latte idratante su tutta la superficie di entrambi i seni agendo con cura e discrezione.
L'azione simultanea delle mani sulla mia pelle mi fa trasalire.
Sono trascinata in un vortice di eccitante passione scatenato dai movimenti delle dita, mosse con maestria sulla pelle del mio corpo.
E' piacevole abbandonarsi a lei.
Le mani mi esplorano il ventre fino raggiungere il pube.
Con dovizia spalma l'unguento in ogni segreto recesso e piega del mio corpo.
Ho dei sussulti, brevi, ma inconsulti.
Intorno a noi la gente sembra non interessarsi ai nostri giochi amorosi, ai più devono sembrare gesti innocenti quelli di Giusy.
Nella spiaggia le persone sono tutte impegnate a fare qualcosa.
I Vu-Cumprà offrono la loro mercanzia, i bambini giocano a nascondino rincorrendosi fra la selva di sdraio che occupano la spiaggia, gli anziani giocano a carte all'ombra degli ombrelloni, i cellulari squillano, le radioline gracchiano.
Tutti sono in attesa del pranzo di mezzogiorno..
- Bomboloni...bomboloni... bomboloniii...
- Gelati...cornetti... ghiaccioli...
- Cocco...cocco...coccooo....
Divarico le cosce.
Giusy spruzza il latte idratante sulla parte del mio corpo che si estende dalle anche verso le ginocchia.
Strofina le dita sulla pelle massaggiandola.
I suoi gesti sono leggeri, delicati.
Le mani seguono un percorso dall'esterno verso l'interno infilandosi fra le cosce fino a raggiungere l'inguine.
Infine sfiora con l'apice delle dita la passerina.
Il massaggio è tonificante.
Tengo gli occhi socchiusi e non oso guardarla, altrimenti correrei il rischio di abbracciarla, davanti a tutti, senza ritegno.
L'unguento ha per sua natura un'azione idratante, serve ad evitare che si verifichino noiose scottature sulla pelle, su di me svolge soprattutto un'azione umidificante sulla fica che sento bagnata di umore.
Giusy prosegue nella sua opera detergendomi il liquido sulle gambe, fino a raggiungere le falangi dei piedi che strofina con infinita passione solleticandomi gli alluci.
Il modo in cui stuzzica la superficie plantare dei miei piedi con l'azione delle sue dita stimola più di quanto non abbia già fatto in precedenza il clitoride.
Lo sento pulsare in maniera consistente più che in precedenza.
Ritraggo i piedi scostandoli da una parte.
Lei si allontana e va a distendersi sul lettino che sta al mio fianco.
Prima d'immergersi nella lettura di un libro, lancia un ultimo sguardo allusivo nella mia direzione e sorride.
Resto col fiato sospeso.
Lascio che lo stato di eccitazione che mi pervade sbollisca poco per volta.
Inforco gli occhiali da sole e, prima di riprendere la lettura del romanzo la cui lettura ho interrotto in precedenza, mi guardo intorno protetta alla vista degli altri dalle spesse lenti di colore scuro che porto a protezione degli occhi..
Alcuni ragazzi transitano dinanzi la postazione dove sto coricata.
Senza alcun ritegno osservano, compiaciuti, il mio corpo nudo, impudicamente esposto ai loro sguardi.
La pelle abbronzata e lucida riflette i raggi solari e sembra attrarre il loro interesse.
Una coppia di anziani, semi addormentati, che presumo essere marito e moglie, sta coricata sopra le sdraio a poca distanza dai miei piedi.
Accendo la radiolina.
Le vibrazioni della voce di Jennifer Lopez sollecitano i timpani delle mie orecchie, giro il capo da un lato e con sommo stupore vedo accostarsi, quatto quatto, un bimbo dell'età di un anno o poco più.
Carponi scivola sulla sabbia e si dirige verso il lettino dove sto coricata.
L'osservo incuriosita presumendo abbia approfittato di un attimo di distrazione della madre o di chi l'ha in custodia per svignarsela e andare alla scoperta del mondo circostante.
Quando raggiunge la sdraio su cui sto coricata si aggrappa al segmento di legno che fa da sostegno al lettino.
Rimane abbarbicato alle mie gambe e, incuriosito, volge lo sguardo verso di me.
I capelli scuri e piuttosto disordinati fanno da contorno al viso sorridente che si caratterizza per le guance paffute.
Il minuscolo grillo che gli penzola fra le cosce non lascia dubbi sul sesso.
Facendosi forza con entrambe le mani, s'inerpica sulla branda sgattaiolando sopra le mie cosce fino a guadagnare il ventre.
Sorpresa dall'inconsueta incursione non so come comportarmi.
Eppure durante l'esercizio del mio lavoro d'infermiera mi è capitato spesso di avere a che fare con bambini, ma in una occasione come questa mi trovo imbarazzata.
Carponi sul mio addome allunga le dita della minuscola mano su di una tetta.
Sembra attratto dallo spesso rigonfiamento dei miei seni che, seppure appiattiti, stante la postura in cui mi trovo, rimangono pur sempre abbondanti nelle forme.
Il marmocchio avvicina con fare naturale le labbra ad un capezzolo e inizia a succhiarlo, comportandosi come un lattante abituato a prendere fra labbra e lingua il capezzolo della madre per suggere il latte.
Sorpresa dall'evolversi della situazione non so che fare.
Sono smarrita.
Le labbra del bimbo succhiano l'estremità del capezzolo inglobandolo per intero nella bocca.
La minuscola mano cinge il seno e sembra volerlo attirare con forza a sé.
Non è eccitazione quella che provo, ma un piacere inconsueto mi pervade: prima d'ora non l'avevo mai assaporato.
Accarezzo il capo del bimbo e lascio che succhi il capezzolo.
Le grida di una donna interrompono l'azione del pupo.
- Ma che fa. Non si vergogna? Mica è suo figlio questo. Sporcacciona! Ma guarda che razza di donne si trovano su questa spiaggia. Si vergogni!
- Ma, io... veramente.
- Stia zitta! Altrimenti chiamo i carabinieri e la denuncio.
Chi grida con tanto fervore è un'anziana signora.
Probabilmente è la donna che ha in custodia il bambino, forse la nonna.
Separa dal capezzolo il bimbo e lo prende fra le braccia.
- La denuncio! Ma guarda un po' cosa si deve vedere su una spiaggia.
- Ma dai Grazia... lascia stare.
E' un uomo attempato dai capelli grigi quello che la trascina via.
Verosimilmente è il marito della anziana donna.
Si allontanano entrambi imprecando contro di me.
Il bambino, sorpreso da tanta confusione, vagisce come è solito fare un lattante cui è stato tolto l'oggetto di piacere.
Attorno a noi si è andato formando un capannello di curiosi che assiste con interesse l'evolversi della scena.
I due anziani riprendono posto sotto l'ombrellone a poche passi da me e Giusy.
La gente, sbollita la curiosità, si allontana poco per volta, ognuno torna alle proprie occupazioni..
L'autostrada della Cisa a quest'ora della sera è intasata di autovetture.
Procediamo a passo lento a causa delle lunghe code che si formano in corrispondenza dei tratti in cui vi sono lavori in corso che restringono la sede stradale.
- Si può sapere cosa hai Erika? E' tutto il giorno che non dici parola. Ti ho fatto qualcosa? Sei arrabbiata con me?
Giusy appoggia la mano sulla mia che sta addossata sulla leva del cambio e l'accarezza.
Soltanto quando sbuchiamo fuori dal tratto in galleria le rispondo.
- No, sono stanca. Lo sai che il sole mi provoca stanchezza..
Adoro Giusy, è una compagna ideale.
Sto bene insieme a lei e ne sono innamoratissima, oggi però ho preso consapevolezza di quanto è bello essere madre, fino ad oggi l'avevo sempre rimosso.
Tenere attaccato al capezzolo quel bimbo, seppure per pochi istanti, mi ha lasciato un grande rimpianto.
Seduta nell'abitacolo dell'autovettura guido con cautela attenendomi ai limiti raccomandati dalla ricca segnaletica stradale che mi accompagnano nella lunga discesa verso la pianura.
La luce dei fari fruga nel buio della notte e illumina la sede stradale, fra poco saremo a casa.

Home > Sesso Hard - Racconti erotici gratis