DOPPIE TASCHE

Il sabato mattina, quando sono libero da impegni di lavoro, sono solito fare visita alla Biblioteca Civica di Vicolo Santa Maria, la più ricca di volumi fra quelle comunali.
L'edificio che l'accoglie è una vecchia caserma recentemente ristrutturata.
I lavori di rifacimento l'hanno trasformato in una piccola cattedrale della cultura.
Nello stabile trovano posto: l'emeroteca, una videoteca e numerose sale per mostre di pittura e fotografia.
Ma, quel che più importa, tanti scaffali con migliaia di libri.
Adoro il silenzio che regna nella biblioteca. Mi piace passeggiare lungo i corridoi soffermandomi a consultare vecchi libri e nuove pubblicazioni.
Il luogo trasuda una rara essenza incorporea e spirituale.
Mi eccito nell'annusare gli odori che sprigionano le pagine di taluni libri.
E' in questo clima accattivante che libero le passioni più becere.
Sabato scorso, dopo avere effettuato un breve giro nelle stanze, mi sono soffermato dinanzi lo scaffale che raccoglie i volumi di letteratura francese.
Dopo avere spulciato alcuni testi a contenuto erotico ho preso dallo scaffale Histoire d'O di Pauline Regis, un vecchio libro degli anni cinquanta che ho letto infinite volte, ma che sapevo fare al caso mio.
Fatta la scelta ho iniziato a muovermi fra i tavoli, con l'indifferenza che mi è consueta.
Le sedie erano quasi tutte occupate da ragazzi e ragazze.
Cercavo una donna, ma quella cui avrei dato la mia preferenza doveva possedere caratteristiche precise.
Innanzi tutto assomigliare ad Eleonora, la mia ex donna. Inoltre doveva sedere ad un tavolo da sola, in modo da sedermi di fronte a lei e poterla osservare durante la lettura del libro.
Dopo tanto girare per le stanze, valutando le postazioni di lettura, individuai la preda e mi avvicinai al suo tavolo.
Andai a sedermi di fronte a lei e diedi inizio alla lettura del libro che avevo preso dallo scaffale..
La ragazza che mi stava di fronte era mora e di pelle olivastra.
Dimostrava venticinque anni o forse anche meno.
I capelli lunghi e lisci le scendevano fino alle spalle.
Il naso, leggermente all'insù, faceva capolino su una bocca carnosa e ben modellata.
Il trucco del viso, piuttosto leggero, risultava impercettibile.
Osservandola con cura notai che sotto il golf nero, sbottonato sul davanti, indossava una camicetta di colore turchino, leggermente aperta, da cui compariva l'incavo che separa i seni.
Dalla posizione in cui stavo mi era parso d'intuire che indossasse una gonna sufficientemente corta, di colore grigio scuro.
Le scarpe nere, lucide e brillanti che vedevo spuntare sotto il tavolo avevano un tacco pronunciato.
Mi perdevo ad osservarla sfacciatamente senza rilevare alcun disagio da parte sua.
Stava china, con lo sguardo fisso sui libri, incurante di ciò che la circondava.
Forse fingeva indifferenza, conscia della propria bellezza che in altre occasioni aveva sicuramente attirato su di sé le attenzioni moleste di molti uomini.
Iniziai a leggere il libro dalle pagine che raccontavano di un rapporto sadomasochista.
Di tanto in tanto sollevavo il capo e osservavo la mia preda.
Lei continuava a leggere, incurante della mia presenza, senza degnarmi di uno sguardo.
La lettura di quelle pagine mi provocò l'erezione dell'uccello che sentivo turgido sotto il pantaloni.
Infilai la mano sinistra dentro una delle doppie tasche laterali del loden che conduce ai pantaloni.
Dopo avere aperto la cerniera della patta, liberai l'uccello.
Avevo eseguito la manovra con circospezione, in modo che né lei né nessun altro potesse accorgersi di ciò che stavo facendo.
Iniziai a masturbarmi lentamente, con calma.
Non volevo bruciare in pochi minuti le dolci sensazioni che stavo provando, né rovinarmi la sega per paura che qualcuno mi scoprisse.
Mi piace toccarlo.
Specie in situazioni come quella che stavo vivendo, con una donna inconsapevole testimone e fonte ispiratrice del mio benessere.
Le dita sfiorarono la superficie della cappella sfregandola fino ad inondarmi di fremiti di piacere.
Eccitato afferrai con decisione l'uccello ed iniziai a menarlo.
Di tanto in tanto alzavo lo sguardo su di lei cercando nella bellezza di quel giovane corpo la carica erotica da trasmettere alla mano.
Improvvisamente cadde sul pavimento una delle matite colorate che usava per evidenziare le frasi del testo.
D'istinto la raccolse chinandosi con il capo sotto il tavolo.
Nella foga di masturbarmi non mi ero accorto che il loden si era leggermente aperto.
Da sotto, chinandosi, aveva sicuramente visto la mia mano menare l'uccello.
Dopo avere afferrato la matita rialzò il capo e riprese a leggere il testo con la medesima attenzione di poco prima.
Scoperto da quell'imprevista manovra fui preso dalla paura.
Tolsi la mano dalla tasca e l'appoggiai sul tavolo sfogliando le pagine del libro.
Dopo pochi istanti la ragazza si alzò e prese la direzione dell'uscita incamminandosi nel lungo corridoio.
Fui preso dal panico.
Sicuramente, pensai, andrà a denunciare la cosa agli addetti della biblioteca.
Tutti avrebbero saputo degli atti osceni che stavo perpetrando in un luogo pubblico.
Pensai all'eventualità di ritrovarmi con la fotografia sui giornali.
Parma è una città piccola, una notizia come quella non sarebbe passata inosservata.
Continuai a guardarla mentre si allontanava.
Stranamente non prese la direzione dell'ufficio delle impiegate.
Si arrestò davanti alla porta che dava ai gabinetti.
Ad un tratto girò il capo nella mia direzione, ammiccò, facendo un cenno che interpretai come un invito a seguirla.
Mi alzai dalla seggiola che occupavo e andai verso di lei.
Dopo avere costatato che avevo recepito il suo invito, entrò nell'antisala delle latrine.
La ritrovai davanti alla porta del gabinetto delle donne.
Se ne sta in piedi, con la schiena appoggiata allo stipite della porta.
Appena fui entrato nell'antisala si rivolse a me:
- E allora bello, ti sei divertito a masturbarti di fronte a me? Non credi che la cosa possa essere reciproca, che anch'io ho diritto alla mia parte di piacere?
Preso alla sprovvista non fui in grado di risponderle.
Lei fu più lesta dei miei pensieri, allungò una mano e mi attirò a sé.
- Vieni...entriamo qui, nessuno ci disturberà.
Mi trascinò all'interno del gabinetto.
Chiuse la porta dietro di sé e la serrò col chiavistello.
- Dai, togliti il cappotto e fammi vedere cosa sei capace di fare.
Non me lo feci ripetere due volte.
Mi liberai del loden e lo fissai all'attaccapanni.
Lei afferrò la cinghia dei miei pantaloni, la slacciò trascinando brache e slip ai miei piedi.
L'uccello mi si era solidificato e pulsava come non mai.
Anche il respiro mi si era fatto affannoso ed il cuore pulsava a ritmi inusuali.
Mi invitò ad abbassare il coperchio del water invitandomi a sederci sopra, poi si liberò della gonna e delle mutandine rimanendo con indosso camicia e maglione.
- Ti piace la mia fichetta? Guardala bene perché è tutta per te, bada bene di meritarla e di farla godere.
Un esile ciuffo di peli neri stava tutt'intorno alla fessura, delineandone alla perfezione i contorni.
Quella stupenda visione mi fece perdere ogni paura.
L'attirai a me facendole appoggiare il culetto sulle ginocchia.
Lo stato d'eccitazione che si era impadronito del mio corpo e della mia mente doveva essere palpabile.
Iniziai a baciarla sul collo mordicchiandola nei punti più sensibili dietro la nuca.
L'inusuale violenza dei miei gesti la trovò impreparata.
Se fino a pochi istanti prima era stata lei a guidare il gioco, ora sembrava sciogliersi all'intensità dei miei baci.
Godeva la ragazza.
Cazzo se godeva!
La sentivo fremere in tutto il corpo sotto i colpi dei miei morsi.
Inutilmente cercò di divincolarsi, perché subito dopo ritornò ad assaporarli, tanta era la foga che mettevo nel rincorrerla avvinghiandola a me.
I nostri corpi si ritraevano per riallacciarsi di nuovo in una lotta che procurava ad entrambi un intenso piacere.
Dalle sue labbra uscirono lamenti e mugolii che si accompagnavano al contorcersi del corpo bagnato di sudore.
Le mie mani scivolarono sotto il suo maglione.
Con piacere constatai che non indossava il reggiseno.
Afferrai le tette fra le mani e le esplorai con le dita tutt'intorno.
Erano consistenti e sode.
Il loro gonfiore mi aveva felicemente sorpreso.
Mi soffermai a lungo su di loro prima di sfiorare i capezzoli che sentivo turgidi.
Li presi fra le dita e provai a spremerli provocandole un poco di dolore.
La guardai negli occhi: erano accecati di desiderio.
Le nostre bocche si unirono in un bacio appassionato.
Quel che ne seguì fu un atto violento.
Penetrai con forza la sua bocca con la lingua sbavandole addosso una grande quantità di saliva.
Eccitato com'ero presi a sbattere i denti contro i suoi.
Lei si allontanò per penetrarmi a sua volta con la lingua.
Abbandonate le mani dalle tette, le afferrai i capelli da dietro il capo.
La trascinai con veemenza verso di me.
La sua lingua incrociò la mia solleticandosi in un balletto di punte che si donavano reciproco piacere.
In preda ad un notevole stato di eccitazione aveva premuto le mani sulla mia schiena affondando le unghie nella pelle.
Quel modo di fare all'amore, con violenza e rabbia, suscitò in me uno stato di euforia.
L'intensità del rapporto le aveva provocato un'intensa eccitazione che percepivo dall'umore che fuoriusciva dalla fica e colava sulle cosce.
Con le dita andai alla scoperta di quel luogo nascosto, mentre con la lingua continuavo ad esplorare la sua bocca.
Le pareti della passerina erano morbide e strette.
Sussultavano ad ogni mia penetrazione.
Allora la ragazza prese ad implorarmi:
- Sì... Dai, dammi il tuo cazzo. Mettilo dentro e fammi godere! Ti supplico...fammi godere!
Non rimase ferma ad aspettare che la penetrassi.
Prese il cazzo nella mano e lo condusse nella fica.
L'aveva così stretta che il mio cazzo aderiva alla perfezione alla mucosa.
La cosa mi diede piacere, non è facile trovare donne così.
Presi a muovere l'uccello penetrandola con cautela.
Da quella posizione semiseduta mi riusciva difficile dondolare il bacino.
Lei prese a condurre i movimenti ed io mi sincronizzai ai suoi, assecondandola, stringendole le natiche con le mani.
Le piaceva essere lei a guidare il rapporto, non a caso mi aveva fatto mettere in quella posizione.
Teneva appoggiate le braccia sulle mie spalle dinoccolandosi col bacino tutt'intorno all'uccello.
Il suo respiro diventò trafelato, ansante.
La sentivo mormorare frasi incomprensibili.
Di certo stava godendo.
Si muoveva col bacino con movimenti sinuosi e serpeggianti, quasi a volere cogliere il massimo del piacere dal mio cazzo che teneva prigioniero nella fessura della fica.
Il rapporto proseguì per una decina di minuti, con la stessa intensità, fino a quando i suoi movimenti divennero più intensi e affrettati.
L'assecondai cercando di non venire troppo presto per non privarla del suo piacere.
Poi iniziò a gridare sempre più forte.
- Godo!... Godo!...
Mentre urlava queste parole prese a stringermi con intensità le mani sopra le spalle.
Affondò le unghie nella mia carne fino a farla sanguinare.
Nonostante fuori dalla finestra il freddo fosse pungente, noi eravamo sudati fradici.
Poi lei urlò ancora più forte.
- Vengo... Vengo...
Non so quante volte, nel giro di pochi secondi, continuò ad urlare quella frase.
Quello che so è che iniziò a tremare tutta, da capo a piedi, inarcandosi all'indietro con la schiena.
Venni subito dopo di lei sfilandomi appena in tempo dalla fica, che invece cercava di trattenermi dentro di sé.
Ci ritrovammo abbracciati l'uno all'altro in un tenero abbraccio per alcuni istanti, poi lei si allontanò..
Cominciò subito a vestirsi.
Indossò le mutandine di pizzo nero, che aggiustò sul bacino, e rimise la gonna.
La imitai e recuperai gli abiti.
Prima d'uscire si rivolse a me.
- Sei stato bravo, mi è piaciuto fare all'amore con te. Un'altra volta però stai attento a masturbarti di fronte ad una donna, potresti capitare con una che invece d'eccitarsi va a denunciarti per oscenità in luogo pubblico.
Prima d'andarsene mi diede un bacio sulla guancia, aprì la porta ed uscì.
Lasciai trascorrere alcuni minuti.
Dopo essermi riassestato me ne andai anch'io.
Dopo avere attraversato il corridoio tornai nella stanza dove poco prima, davanti a lei, avevo iniziato a masturbarmi.
La ragazza stava lì, col capo chino sui libri, intenta a sottolineare con la matita alcune frasi.
Durante quel furtivo incontro non le avevo chiesto il suo nome e neppure lei aveva chiesto il mio.
Prima di avviarmi verso l'uscita presi dal tavolo il libro Historie d'O.
Lei non alzò il capo per salutarmi, nemmeno fece un cenno.
Tornai nel corridoio e riposi il libro nello scaffale dove l'avevo preso in precedenza.
Placato nei sensi mi avviai verso l'uscita. Nel cuore tenevo la flebile speranza che l'inverno non dovesse mai terminare.
Avrei voluto indossare ancora per molto tempo il loden blu dalle doppie tasche, quello che in quella fredda mattina mi aveva permesso di procurarmi un intenso piacere.

Home > Sesso Hard - Racconti erotici gratis