CICLOAMATORI

La radiosveglia libera le note di una dolce melodia.
E' domenica mattina.
Cerco con gli occhi l'apparecchio elettrico sul comodino.
I led rosso fuoco che indicano le ore ed i minuti mi avvertono che le sei sono passate da tre minuti.
Mi stiro fra le lenzuola e in un batter d'occhio sono sotto alla doccia.
Prima d'uscire da casa consumo una abbondante colazione con tè, biscotti, miele e marmellata.
Riempio una delle due borracce, che porterò con me nel giro in bici che sto apprestandomi a fare, con una mistura d'acqua ed integratori salini, l'altra invece l'ho già riempita di acqua e miele in previsione di una giornata che presumo essere cocente.
Mi libero dell'accappatoio di spugna ed indosso la salopette.
Per ultimo faccio passare sopra il capo la maglietta della mia società ciclistica di colore giallo, dove spicca la scritta Dopolavoro Dipendenti Sanità, e la stiro sull'addome.
Anch'io, come molte delle ragazze che praticano questo tipo di esercizio sportivo, non indosso né mutandine né reggiseno.
In questo modo evito fastidiose irritazioni al soprasella, e poi mi sento più libera nei movimenti.
La Colnago "Master Più" è collocato sopra il trespolo di metallo dove l'ho lasciata in garage.
Lucente com'è sembra nuova di fabbrica.
L'ho messa a punto ieri pomeriggio curando ogni minimo particolare, in previsione dell'uscita di stamani.
Ho lubrificato le parti meccaniche dei movimenti meccanici, soffermandomi sulla catena, le corone dentate ed il deragliatore.
In precedenza avevo lavato il telaio con acqua e sapone liquido.
I copertoncini li ho gonfiati alla pressione di otto atmosfere, sperando che non sia troppo rigida sull'asfalto.
Attraverso la città in bicicletta.
La sede del circolo dei Dipendenti dell'Ospedale è in Via Gonfalonieri, dietro il Palasport.
I miei compagni di squadra sono tutti lì, pronti a partire.
Non aspettano che me.
- Eh, va beh... In fin dei conti sono in ritardo di soli cinque minuti - sbotto, volgendomi ai più incazzati del gruppo con un sorriso.
Il serpentone di biciclette si mette in movimento e non ho nemmeno il tempo di salutare qualche amico.
In mezzo a tanti uomini sono l'unica donna del gruppo ciclistico.
L'itinerario fissato dagli organizzatori del cicloraduno prevede l'ascesa al Passo del Cerreto ed il ritorno in città.
La giornata è stupenda.
La temperatura dell'aria, a quest'ora della mattina, raggiunge già i 22 gradi.
Tutto lascia presagire che nel corso della giornata ci sarà un caldo soffocante.
Abituata ad effettuare duri allenamenti non sono per niente spaventata da quella che sembra essere una giornata molto faticosa.
L'importante, come ho imparato in questi anni di pratica di questo esercizio sportivo, è mantenere lo stesso ritmo di pedalata durante l'intera ascensione, senza farmi prendere dall'ansia di strafare rincorrendo le ruote di chi va più forte di me.
Il gruppo si sgretola in tanti piccoli drappelli di ciclisti.
Alcuni di loro vengono in mio soccorso nei tratti più ripidi alternandosi a spingere il mio culetto.
I più anziani si fermano dopo poche decine di chilometri all'ombra di un pergolato di una delle numerose osterie che si affacciano sulla strada.
Sotto il sole cocente continuo a pedalare risalendo la statale.
Mantengo un ritmo di pedalata consono alle possibilità mie e di Carlo, un medico sulla quarantina d'anni che è solito tenermi compagnia durante i cicloraduni.
E' una persona tranquilla ed è timidissimo, soprattutto con le donne.
Forse per questo si trovava a suo agio con me che sono fin troppo estroversa.
Verso le dieci arriviamo a Castelnovo né Monti.
Gli organizzatori della manifestazione hanno posto un punto di ristoro all'ingresso del paese fornendolo di bevande, frutta e cereali.
Con l'approssimarsi del valico appenninico l'aria, che fino ad ora era calda e afosa, si è rinfrescata.
Una leggera brezza proviene dal mare e complica la risalita.
Alle undici precise arriviamo al Passo del Cerreto.
Il vento ha portato dal mare un'imponente massa di nubi grigiastre che non promettono nulla di buono.
Pochi minuti dopo il nostro arrivo iniziano a cadere le prime gocce di pioggia.
Il temporale si tramuta in diluvio.
Impauriti giriamo le bici e fra gli scrosci di pioggia e vento ci lanciamo nella discesa per fare ritorno in città.
La strada, resa viscida dalla pioggia, è pericolosa.
In due occasioni rischiamo di cadere e sfracellarci in uno dei numerosi precipizi che costeggiano la statale.
- Carlo! Carlo! - grido affiancandomi a lui - Appena vedi un casolare o una legnaia fermati. Ho freddo e sono bagnata fradicia. I freni della bici non rispondono più.
Lui fa un cenno col capo asserendo di sì.
- Va bene, faremo come dici tu.
Il temporale si è fatto più intenso.
La pioggia riempie d'acqua i canali di scolo trascinando pietrisco e sabbia sul selciato stradale.
- Là... Là... Subito dopo la curva c'è un rustico con la barchessa, fermiamoci lì - grida Carlo.
A stento riesco a stare in piedi nel tentativo di arrestare la bicicletta.
Per quanto tenga premute le aste dei freni continuo a scivolare con le ruote in avanti.
Una volta fermi, con i piedi a terra ci mettiamo a correre verso la barchessa, spingendo le biciclette con le mani.
Siamo fradici d'acqua e bagnati da capo a piedi.
La pioggia ci ha colti impreparati.
Contrariamente alle mie abitudini non mi sono portata appresso il giubbetto impermeabile, fiduciosa nel sole caldo del mattino.
- Beh... Prima di riprendere la discesa, dobbiamo aspettare che la pioggia diminuisca d'intensità - asserisce Carlo togliendosi dal capo il casco da ciclista.
Lo imito togliendomi di dosso i guanti ed inizio a sfregare le mani in cerca di calore.
La pioggia non sembra diminuire d'intensità.
La temperatura dell'aria si è notevolmente abbassata.
Per nostra fortuna abbiamo trovato un buon rifugio nella barchessa ricetto di balle di paglia ed erba medica.
L'aria si è fatta ancora più fredda.
Inizio ad avere brividi e tremori in tutto il corpo.
- Spero che non ti scandalizzerai se mi tolgo la maglietta e la salopette. Con gli abiti bagnati corro il rischio di prendermi una polmonite. Girati da un'altra parte mentre mi svesto.
Carlo si gira.
Tolgo di dosso la divisa fradicia d'acqua e resto completamente nuda, dopodiché mi corico su una sorta di letto di paglia ricoprendo il corpo con i fuscelli di paglia e d'erba secca alla ricerca di un poco di tepore.
- Dai... Spogliati anche tu. Mica avrai vergogna. Vuoi congelarti? Dai, vieni qua vicino a me - lo sollecito.
- Ti ringrazio, ma preferisco starmene vestito ed aspettare che finisca di piovere. E' solo una nube passeggera, presto tornerà il sereno.
Ammonisce volgendomi le spalle.
Il suo sguardo si perde lontano, in direzione del mare, oltre le montagne, nella speranza che la pioggia cessi al più presto.
E' trascorsa più di un'ora da quando sto al riparo sotto le coperte di paglia.
Carlo se ne sta seduto su una balla di paglia, con la schiena appoggiata alle altre accatastate alle sue spalle e trema dal freddo.
- Adesso mi fai il santo piacere di toglierti gli abiti bagnati- dico aggredendolo.
- Non vorrai prenderti una polmonite!
Con riluttanza toglie la maglietta e resta con indosso la salopette.
- Bhe', dico, non ti farai compatire. Hai paura a mostrarti nudo di fronte ad una donna? Mi chiedo quanto tempo passerà prima che ti decida a toglierti anche i pantaloncini.
Mi alzo dal letto di fieno e gli corro incontro.
Afferro le spalline della sua salopette e cerco di sfilargliela.
Intraprendo una vivace lotta.
I nostri corpi si arrotolano nella paglia con intenti diversi.
Ad un certo punto, sollecitata dalle mie spinte, la salopette si lacera sul davanti.
Un lungo taglio la divide in due parti fino al pube, mettendo in evidenza i genitali... Se così si possono definire.
L'uccello di Carlo più che somigliare ad un volatile, pare essere una lumaca, tanto è piccolo e retratto: assomiglia a quello di un putto.
Dopo la scoperta mi sento imbarazzata.
Vorrei sprofondare sottoterra per la vergogna.
Ecco spiegata la ragione di tanta resistenza e perché non si decideva a spogliarsi.
Carlo si mette a sedere per terra con il capo sprofondato fra le ginocchia, perché non possa vedergli il viso.
Mi avvicino e gli accarezzo il capo.
Gli sollevo il mento e gli allungo un tenero bacio sulle labbra.
Ci ritroviamo abbracciati nel fienile con la pioggia che continua a scendere sulle nostre teste.
Carlo si alza in piedi e con la schiena resta appoggiato al muro di paglia.
Afferro in una mano il delicato frutto che tiene fra le gambe, costituito dai fragili testicoli e dal cazzo lumachina.
Il sapiente lavoro delle mie mani riesce a mettere in evidenza la parte rosea della cappella che si erge dritta fra le sue gambe.
Inginocchiata ai suoi piedi inizio a succhiargli il "coso".
L'oggetto di piacere è così corto e sottile che non so come fare ad afferrarlo.
Le dimensioni, in piena tumescenza, sono paragonabili al dito di un uomo.
Lo stringo, se così posso dire, con pollice ed indice e comincio a masturbarlo, bagnandolo con un poco di saliva.
Ho qualche difficoltà, per quanto mi dia da fare non riesco a scappellarlo completamente.
Il frenulo appare completamente attaccato all'uretra, come quello di un bambino.
L'emozione di questa scoperta mi eccita ancor di più.
Sto masturbando il "pisello" di un ragazzino, ospite nel corpo di un adulto.
Non posso che benedire la pioggia che me lo ha fatto scoprire.
Mi sembra di tenere fra le labbra un pezzo pregiato e forse unico, probabilmente nessun'altra donna prima di me ha avuto modo né di vederlo né di gustarlo.
Domandargli se è vergine e se ha avuto rapporti sessuali con altre donne è la domanda che desidererei fargli, ma recedo da questo proposito.
Sono eccitata, ma non voglio aumentare il ritmo delle labbra su questo gioiellino.
Con la mano libera inizio a massaggiarmi il clitoride, turgido di passione, e lo strofino con le dita.
Non capisco se il tremore del corpo di Carlo sia dovuto a godimento od al freddo che imperversa attorno a noi.
Affondo la bocca con più decisione, ingoiando per intero le palle ed anche l'uccellino.
Movimento che ripeto infinite volte.
L'atto mi provoca una sensazione di piacere sconosciuta.
Quella lumaca dalle dimensioni infantili mi fa tornare indietro nel tempo a quando ero bambina.
Più lo succhio e più rivivo i dolci ricordi dell'infanzia, i primi pompini, le prime seghe ai miei coetanei di gioco.
Lo spruzzo con cui mi sborra in bocca è pari alle proporzioni dell'uccellino.
Il piacere che invece gli trasmetto è quello di una persona adulta, lo percepisco dal tremore delle sue gambe e dall'urlo che esce dalla sua bocca nel momento dell'eiaculazione.
Sono assorta a succhiare le ultime gocce, quando Carlo si svincola da me, indossa la maglietta bagnata, afferra la bicicletta e senza nemmeno salutarmi si lancia nella discesa che da Busana porta a Cervarezza.
Dopo la partenza di Carlo sono rimasta coricata sul letto di paglia e mi sono addormentata.
Mi sveglio che è tardo pomeriggio.
Il sole si è fatto largo fra le nubi e non piove più.
Afferro la salopette e l'indosso insieme alla mitica maglietta del Dopolavoro Dipendenti Sanità, dopodiché salgo sulla bicicletta e prendo la strada di casa.
E' trascorso più di un mese da quando Carlo ed io ci siamo lasciati sulle strade del Cerreto.
Dopo quel giro non ho più avuto occasione di vederlo.
Io continuo a partecipare ai cicloraduni e da questa attività traggo grande benessere.

Home > Sesso Hard - Racconti erotici gratis