A CARTE DA BRUNO

Era da tempo che cercavo di farmi invitare da Bruno, il mio collega.
Quel giorno avevo messo la minigonna in ufficio e, essendo proprio di fronte a lui, aspettavo il momento giusto per fargli notare le mie autoreggenti.
Finalmente gli cade la penna... E' il momento di accavallare le gambe, pensai.
Tombola, ecco che la sua testa si gira verso di me mentre raccoglie la penna e si sofferma un po' troppo nella sua ricerca.
Non so come mai (nei sogni tutto un mistero), ma mi ritrovo in mano un invito a casa sua per una festa.
Quella sera la mia intenzione era di far colpo, ma non di esagerare.
Dopo un po' ci si mette a giocare a carte; intorno al tavolo siamo in 5: Bruno, altri 2 uomini e una sua amica un po' troia (visto che portava un top un po' troppo indecente).
Si gioca a briscola, poi a poker, ed ecco che gli uomini iniziano a vincere, data la loro esperienza.
Qualcuno ipotizza a uno strip-poker e Sonia (la ragazza troia) inizia a bluffare in maniera evidente per perdere apposta e togliersi il top!
Per un po' io vinco e resto vestita, poi clamorosamente perdo con un full di re!
Mi rifiuto di spogliarmi, ed ecco che Bruno si incazza improvvisamente in un modo mai visto.
Mi prende per i capelli e mi butta per terra.
Mentre mi riprendo lui si tira fuori il cazzo e inizia a dirmi di spogliarmi.
Io mi rifiuto, cerco di trovare un appoggio negli altri ragazzi, ma vedo che anche loro si avvicinano col sorriso.
Bruno ordina agli altri due di tenermi ferma mentre lui mi alza la gonna, si compiace con me per le autoreggenti ma mi strappa le mutandine violentemente.
Io cerco di divincolarmi ma improvvisamente il suo cazzo mi penetra con un solo colpo e mi pare di sentirlo fino in gola!
Sonia a questo punto si spoglia completamente e si mette sopra di me obbligandomi di slinguarle la fica.
Vengo ripetutamente trombata dai tre ragazzi mentre mi insultano con frasi del tipo: "Sei solo una puttanella che ha voglia di cazzo... Ti piace essere sbattuta da tutti noi vero? Lurida zoccola!!".
Poi mi legano al tavolo e tutti e tre riempiono i miei buchi mentre io sono costretta a leccare la figa di quella troia per far godere anche lei.
Bruno ed i suoi amici, ormai giunti all'apice del piacere, tolgono i loro uccelli e me li infilano tutti e tre in bocca innondandomi la faccia del loro sperma, a quel punto Sonia mi lecca tutta la faccia pulendomi bene.
Finalmente mi slegano e mi lasciano ritornare a casa.

Home > Sesso Hard - Racconti erotici gratis